FareAmbiente

Sei qui: Home Ufficio Stampa No a ricerche in Adriatico, è mare chiuso, altissimo il rischio inquinamento
No a ricerche in Adriatico, è mare chiuso, altissimo il rischio inquinamento PDF 
Mercoledì 14 Marzo 2018 15:39

Roma. “Auspichiamo che il nuovo governo blocchi definitivamente le trivellazioni in Adriatico, pur condividendo le ragioni di chi afferma che il Paese è fortemente dipendente dalle importazioni estere di idrocarburi, va preso atto che l’Adriatico è un mare inadatto a questo tipo di estrazioni”.

Lo dichiara Vincenzo Pepe presidente nazionale di FareAmbiente – Movimento ecologista europeo.

“Memori dell’incidente avvenuto nel Golfo del Messico nel 2010 – conclude Pepe – non osiamo immaginare le conseguenze di un grosso sversamento di petrolio in un mare stretto, con uno scarso ricambio d’acqua e le cui coste sono altamente popolate. Sarebbe la distruzione di un ecosistema già messo a dura prova dalle attività umane, un danno irreparabile che comprometterebbe la vita di milioni di persone di 4 stati rivieraschi, il gioco non vale la candela”.



Condividi su Internet
Del.icio.us! Google! Live! Facebook! Technorati! Twitter! Joomla Free PHP
 

Biografia del Presidente

Sample image Vincenzo Pepe
Presidente

Pubblicità

EXPO 2015 - Fondazione Vico

Relazione_Presidente_Nucleare

Fareambiente_in_giappone

Riconosc_Minist _Ambiente_logo

logogagipiccolo

logo_oasi

logo_fondazionevico

vallerano

Aderisci_Icaro

Olivetti La Greca

ACSE Italia

logosra